GdL 4

Sistemi e modelli di progettazione, produzione, distribuzione e consumo sostenibili e circolari

Inquadramento
Il gruppo di lavoro affronta la tematica della chiusura del ciclo nella catena del valore con approccio integrato per filiera/settore. È composto da attori appartenenti ai 4 settori: ricerca e formazione, imprese, associazioni di categoria, istituzioni, società civile
Obiettivi
Obiettivi a breve termine: raccolta delle buone pratiche già sul mercato, relative alla chiusura del ciclo in significative catene del valore e filiere, ove presenti, individuazione delle lacune e promozione della eventuale replica dei casi di successo; Redazione documenti di posizionamento di filiera volti al superamento dei vincoli di sistema e all’implementazione di business models circolari anche interfiliera
Obiettivi a medio-lungo termine: promozione dell’interazione intersettoriale per supportare la chiusura dei cicli nelle filiere e nelle catene di valore individuate
 
Piano e modalità operative
Il GdL è organizzato in sottogruppi relativi alle filiere individuate come strategiche per favorire la transizione verso l’economia circolare, anche in accordo con quanto previsto dal Nuovo Piano di Azione per l’Economia Circolare pubblicato dalla Commissione Europea. I sottogruppi attivi sono:
  • Costruzione e Demolizione
  • Tessile, Abbigliamento e Moda
  • Mobilità elettrica
  • Agrifood
  • Plastiche
L’intero GdL si riunisce in plenaria almeno una volta all’anno in presenza, mentre i sottogruppi effettuano riunioni (fisiche o da remoto) con scadenza mediamente quadrimestrale. 
Il GdL mira a favorire la chiusura del ciclo nelle filiere, con approccio multistakeholder, ma anche interfiliera.
Inquadramento generale e aspetti rilevanti per la transizione verso l’economia circolare nella filiera Buone pratiche Priorità a breve, medio e lungo termine
 
Descrizione dei prodotti attesi
  • Position paper per filiera In particolare ogni sottogruppo ha l’obiettivo di produrre primariamente un Position Paper di filiera che include Raccolta delle buone pratiche già sul mercato per la loro promozione nazionale anche tramite il sito e a livello europeo tramite il canale ECESP.
  • Organizzazione di seminari/workshop su filiere e catene di valore significative con l’obiettivo di mettere in comunicazione le buone pratiche di settore presenti o non presenti sul tavolo di lavoro, non ancora operanti sulle relative intere catene del valore 

In prospettiva si prevede una sezione di output prodotti da aggiornare ogni anno 

Stakeholder target
Imprese, Istituzioni, PMI/startup, Associazioni di categoria, consumatori e società civile
 
Prospettive
In prospettiva il GdL4 vuole definire una metodologia di lavoro per la chiusura del ciclo nelle filiere strategiche, promuovendo modelli di business circolari (simbiosi industriale, sharing economy), anche tramite l’elaborazione di casi studio selezionati
 
 

Coordinamento

ENEA -  Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile
ENEA - Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile
ENEL
ENEL

Sottogruppi

Costruzione e demolizione - coordinatore: ENEA

Tessile, abbigliamento e moda - coordinatori: ENEA, Gruppo BVLGARI & LVMH Italia Spa

Mobilità elettrica - coordinatori: ENEA, ENEL

Agrifood - coordinatori: ENEA, Regione Emilia Romagna

Plastiche - coordinatori: ENEA, PVC Forum, Corepla