Utilizzo del compost in agricoltura per aumentare la sostanza organica dei suoli

Organizzazione

Novamont S.p.A.
Società privata
Novamont S.p.A.

Localizzazione della buona pratica

Novara
Piemonte
Italia

Lingua originale della buona pratica
Italiano
Area
Settore
Target Groups
Agricoltori, pubbliche amministrazioni
Tipo di finanziamento
Privato
Livello di Applicazione
Rurale
Filiera
Ambito tematico
Approccio Integrato per Filiera o Settore
Motivazione

Il suolo è una risorsa non rinnovabile di vitale importanza per garantire la produzione agricola, la crescita della vegetazione, la moderazione dei flussi d’acqua, il mantenimento dell’attività biologica e della biodiversità dei territori. Contrastare l’intensificazione del fenomeno di erosione diventa prioritario per contribuire sia alla lotta al cambiamento climatico, grazie alla capacità del suolo di catturare la CO2 nel terreno, sia alla sicurezza alimentare. La promozione di un'agricoltura sostenibile, che possa essere perseguita attraverso pratiche innovative può permettere il ripristino della materia organica del suolo.

Descrizione

Il compost è un prezioso ammendante per i terreni, ottenuto dal compostaggio dei rifiuti organici. Recenti studi hanno dimostrato come il compost, attraverso l’aumento della materia organica nel suolo, possa contribuire a contrastare la desertificazione dei suoli e il cambiamento climatico, favorendo l’aumento della CO2 nel terreno e riducendo così le emissioni di gas a effetto serra. Una corretta raccolta della frazione organica utilizzando sacchetti compostabili, aiuta a ridurre la contaminazione da plastiche del rifiuto, consentendo di ottenere compost di qualità da restituire alla terra.

Risultati

Lo studio, realizzato nell’ambito del progetto italiano BIT3G, finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca all’interno del Cluster tecnologico nazionale della Chimica Verde SPRING, analizza un modello per la stima delle dinamiche della SOM (materia organica nel suolo) nella produzione di Cardo in un arco temporale di 22 anni. I risultati indicano che nel sistema colturale studiato, i valori di SOMS risultano incrementati di 6,2 tonnellate metriche per ettaro in caso di applicazione di compost, rispetto alle 3,9 tonnellate metriche per ettaro riscontrate nello scenario a zero input.
In termini di bilancio di emissioni di gas serra, è stato osservato che l'assorbimento medio di CO2 ha lo stesso ordine di grandezza delle emissioni complessive provenienti dalla coltivazione di cardo. In circostanze specifiche l'assorbimento di CO2 supera le emissioni di gas serra, rendendo il relativo bilancio finale neutro o addirittura negativo.

Parole chiave
Prevenzione e riciclo dei rifiuti, agricoltura sostenibile, compost di qualità, bioplastiche compostabili